Nuove risorse per i forni del futuro: 260 nuove persone in 4 anni

sede UNOX

I forni del futuro non si limiteranno a fornire ottime prestazioni di cottura, ma saranno anche in grado di elaborare dati utili ad ottimizzare le performance degli chef. Il dipartimento Ricerca e Sviluppo di Unox lavora già da tempo in quest’ottica, includendo il concetto di Internet of Things nella progettazione dei suoi forni. Grazie a questo approccio, la tecnologia dei sistemi di cottura Unox è realmente al servizio dello chef, non esautorandolo dalle proprie mansioni in cucina e, anzi, consentendogli di avere un maggiore controllo sui processi di cottura e, quindi, maggiore tempo a disposizione da dedicare alla fase creativa.

Il forno, per Unox, non è più solo uno strumento per cucinare, ma un “reattore” di processi chimici e fisici per la trasformazione degli alimenti.

Questa evoluzione di prodotto è stata possibile grazie al forte investimento che Unox ha dedicato alle proprie Risorse Umane e alla creazione di una struttura commerciale affiancata da un centro di Ricerca e Sviluppo da oltre 40 persone, per la maggior parte operative nella sede di Padova. In questo modo, lo status di Unox è passato da semplice “produttore” ad “azienda innovativa” nel proprio settore, come testimoniano le parole dell’Amministratore Delegato Unox, Nicola Michelon: «nel 2007 fatturavamo circa 40 milioni di euro ed eravamo un semplice produttore di forni, legato a doppio filo a distributori esterni. Dall’anno successivo abbiamo puntato a diventare qualcosa di più completo, lavorando alla creazione di una struttura commerciale autonoma che ci permettesse di lavorare sulla catena del valore e che legasse i clienti direttamente al nostro marchio».

Così nel 2015, dopo gli investimenti in marketing e distribuzione, Unox ha raggiunto 80 milioni di euro di fatturato (+9% sul 2014) e, per portare innovazione nella tecnologia dei forni di propria produzione, ha deciso di rivolgersi alle competenze dei giovani fisici dell’Università di Padova. «Ho una formazione da ingegnere e volevo potermi confrontare con idee libere e competenze di alto livello. Abbiamo così assunto otto fisici dall’Università di Padova, per un nuovo prodotto che includesse il concetto di Internet of Things (l’internet delle cose), un oggetto capace di fornire non solo ottime prestazioni ma anche dati da elaborare per ottimizzare le performance dei nostri clienti.»

Ed ecco il forno intelligente di Unox, un prodotto unico, «che associa performance innovative a informazioni fondamentali sia per noi che per i nostri clienti». Nella seconda metà del 2015 questo forno è stato lanciato nel mercato, e il fatturato di Unox è cresciuto del 23% in sei mesi.

Grazie a questo successo, Unox prevede ora l’assunzione di 260 nuovi dipendenti in 4 anni, entro il 2020: con queste previsioni di crescita, Unox inizia a «ragionare non più solo in termini di fatturato, ma anche in termini di risorse umane necessarie per ottenere i risultati di espansione sui mercati.»

Tentato dai forni UNOX? Richiedi la tua Individual Cooking Experience